• italiano
  • english
  • giapponese
  • Fran�oise
  • tedesco
  • Espanol
  • cinese
  • russo

vieni a trascorrere una vacanza a Roma con uno sconto del 20% presso l' HOTEL CROWNE PLAZA-ROMA

http://www.hotelsubasio.com/
Assisi ricorda la Shoah

Nell’attuale sede della Pinacoteca Civica, a Palazzo Vallemani, è allestito e visitabile fino a fine mese il “Museo della Memoria” fortemente voluto da Assisi per ricordare il ruolo svolto dalla città umbra all’interno della tragedia della Shoah. Il museo è dedicato a tutti coloro che salvarono, nella cittadina del Poverello, innocenti vite umane, la cui unica colpa era quella di essere nate in un periodo tremendo nel quale essere Ebreo significava essere il diverso, l’oppresso e il braccato da uomini senza moralità, da uomini “non-uomini”.
La mostra di Assisi presenta una serie di scritti, foto inedite e testi, connessi agli ultimi anni della seconda guerra mondiale e legati ai personaggi che lottarono per salvare almeno 300 vite umane nella città di Francesco, evitando così la loro deportazione nei campi di lavoro e di concentramento.
Un filo rosso clandestino teneva insieme, saldamente uniti, cittadini, frati e vescovi che cercarono di evitare il massacro di innocenti, privati di tutto anche della loro umanità.
Pezzo davvero interessante, esibito nel “Museo della Memoria”, è senza dubbio il macchinario utilizzato dai tipografi per stampare i documenti indispensabili per falsificare le identità degli Ebrei e per metterli in salvo dalla cattura dei Tedeschi.
Si potrebbe certamente affermare che gli ideali di fratellanza, di solidarietà e di amore tanto predicati da San Francesco abbiano impregnato profondamente i cuori degli Assisani che oggi celebrano in un Museo i loro sforzi premiati.
Questa esposizione chiarisce ancora di più come Assisi sia una città santa, una città che dà conforto e rifugio a tutti e in qualsiasi epoca.